I lavori in giardino del mese di giugno – Potature e trattamenti

Quali sono le piante da potare nel mese di giugno? E quali sono i trattamenti da effettuare? In questo mese il giardino è già completamente fiorito e queste operazioni andranno svolte con la massima cura. Ecco delle semplici istruzioni per eseguirle al meglio.

Nel mese di giugno il giardino è pieno di fiori e macchie di colori di diverso tipo. Per mantenere inalterata la bellezza dei fiori e il verde brillante del prato, come abbiamo consigliato anche in un post pubblicato in precedenza, dedicato ai lavori principali da svolgere nel mese di giugno, è necessario essere molto regolari nell’innaffiatura e concimare se necessario le piante in vaso con concimi liquidi. Ricordatevi, inoltre, di cominciare ad innaffiare anche le piante succulente, che nei mesi passati avete tralasciato. 

I lavori in giardino del mese di giugno

Nel mese di giugno, però, dovrà anche pensare ad effettuare altre necessarie operazioni, come le potature e i trattamenti. Eccole regole per riuscire al meglio.

Come dare un nuovo aspetto al proprio giardino

Le potature del mese di giugno

A giugno le più grandi potature sono già state effettuate, ma bisognerà comunque mettere un po’ mano alle forbici e alle cesoie. Siepi, rose e rampicanti vanno infatti comunque potati in maniera regolare, in modo tale che siepi e rampicanti non si allunghino troppi e che le fioriture delle rose non soffrano. Di queste ultime si possono ad esempio cimare i rami che portano i fiori appassiti, senza però mai eccedere, causando una perdita di linfa.

I trattamenti del mese di giugno

Per quanto riguarda i trattamenti, è piuttosto difficile compierli nel mese di giugno, perché si dee aspettare le ore in cui gli insetti non volano, quando il sole è basso sull’orizzonte, al fine di non eliminare anche presenze utili come quelle dei bombi e delle api. Ad ogni modo le ore serali servono anche per evitare che i prodotti insetticidi e fungicidi evaporino troppo velocemente, rovinando le foglie.

 

Photo | Thinkstock

Commenti

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *