I lavori in giardino del mese di giugno

Quali sono i lavori da compiere in giardino nel mese di giugno, per avere un prato sempre curato e delle fioriture rigogliose e abbondanti? Scopritelo leggendo questo post, in cui troverete descritte le attività da compiere e i giorni in cui farlo, insieme ad alcuni utili consigli.

Giugno è uno dei mesi più intensi per il vostro giardino. Le temperature si sono ormai alzate, le piante sono tutte in fiore o in boccio e il vostro angolo verde è diventato un vero tripudio di colori. In queste circostanze, quali sono le migliori azioni che un buon giardiniere può compiere per fare sì che il proprio giardino resti sempre così rigoglioso e fiorito? Ecco quali sono i lavori da compiere nel mese di giugno. 

Come dare un nuovo aspetto al proprio giardino

I lavori in giardino del mese di giugno

La prima cosa da fare è quella di cercare di mantenere in giardino le giuste condizioni di umidità e la giusta dose di concime,per sostenere la fioritura. Per quanto riguarda la concimazione, allora, se nei mesi precedenti avete già distribuito del concime a lenta cessione, questo continuerà a fare il suo effetto e a dare nutrimento al terreno, mentre per le piante in vaso, potreste aggiungere del fertilizzante liquido da somministrare insieme all’annaffiatura ogni 15 giorni circa.

Per quanto riguarda invece l’annaffiatura, dovrà essere effettuata in maniera costante, cercando di evitare le ore più calde del giorno, che rendono più immediata l’evaporazione dell’acqua. Si può allora decidere di innaffiare al mattino presto o alla sera, facendo attenzione a bagnare bene a fondo il terreno delle piante in vaso e, nel caso in cui il terreno fosse diventato molto asciutto anche immergendo i vasi stessi in un secchio d’acqua. Questa tecnica permetterà al pane di substrato attorno alle radici di reidratarsi.

Come recuperare e rinnovare i vecchi vasi da fiori

Anche il prato andrà innaffiato in modo regolare ed abbondante a giugno, soprattutto se di nuovo impianto. L’acqua dovrebbe penetrare fino ad una profondità di 15 o 20 cm.

 

Photo | Thinkstock

Commenti

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *