I lavori nell’orto del mese di Febbraio e le piantagioni

A partire dal mese di Febbraio si potrà tornare a lavorare in giardino e organizzare il proprio orto e le piante che si vorranno vedere crescere in primavera. Oltre alle potature e alle semine, ci si potrà quindi impegnare anche in una serie di piantagioni. Ecco quali sono.

Quando il clima comincia a farsi meno rigido, con l’arrivo del mese di Febbraio, è possibile cominciare a pensare, concretamente, all’assetto da dare in primavera al proprio giardino. Ci saranno così molti lavori da compiere per rendere la fioritura delle vostre piante il più rigogliosa possibile, ma anche semine e potature. In più, ci si potrà dedicare alle piantagioni di nuove piante e ai lavori dell’orto.

Come proteggere le piante dal freddo

Le piantagioni del mese di Febbraio

Dedicarsi alle piantagioni nel mese di Febbraio significa far crescere le piccole piante che utilizzeremo nel nostro giardino nel corso dei mesi più caldi. Per mettere a dimora queste piante servitevi di un luogo con temperature non troppo basse e quindi piantate nuovi arbusti e rosai che daranno il loro meglio nel corso della primavera. Se si ha spazio, in giardino, o un luogo in cui creare un semenzaio, si potrà provare anche con le piante annuali e perenni, ovvero con piante come l’impatiens, la salvia splendida, i tageti, la lavanda, i papaveri, l’agerato, l’iberis, le vile, leverbene.

>  Come proteggere le piante da interno in inverno

I lavori nell’orto del mese di Febbraio

Per il vostro orto, invece, la prima cosa da fare è preparare il terreno. Togliete le erbe infestanti, concimate con del concime organico e vangate il terreno.

Seminate quindi ortaggi come pomodori, melanzane e peperoni. Potranno essere messi in piena terra i bulbi di cipolla, mentre ci saranno delle verdure che potranno essere seminate all’interno di piccole serre a tunnel, quelle molto vicine alla terra: si tratta di carote, insalata, ravanelli e spinaci.

 

Photo Credits | Bildagentur Zoonar GmbH / Shutterstock.com

Commenti

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *