Battaglia anti cesareo: “con il taglio non siete mamme”

Una battaglia anti cesareo condotta da una comunità religiosa che sta facendo indignare il web ma ha anche tantissimo seguito. Una donna che fa il taglio cesareo è meno mamma delle altre considerate superiori. Siete d'accordo?

Sulla pagina Facebook dei Disciples of the New Dawn è in atto una campagna sessista anti cesareo che sta facendo non indispettire ma inorridire il web. Le affermazioni fatte da questa comunità religiosa sono senza fondamento scientifico, ma soprattutto sono offensive. 

I Disciples of the New Dawn sono sessisti e rifiutano ogni genere di medicalizzazione anche inerente il parto e una donna, per loro, non dovrebbe mai subire un taglio cesareo perché in fondo, non partorendo, non può considerarsi assolutamente mamma. Il che vuol dire, per loro, che una donna dovrebbe rifiutare sempre il cesareo, anche quando con il parto sono a rischio la sua vita e quella del bambino.

La loro campagna anti cesareo è articolata e talmente offensiva che su Change.org è stata creata una petizione per la richiesta della chiusura della pagina Facebook dei Disciples of the New Dawn. Loro, poi, risorgono virtualmente creando altri gruppi altre community.

1. Ma davvero pensi di essere diventata mamma?

Questa è di certo una delle più recenti affermazioni che appunto divide le donne tra quelle “superiori” che hanno partorito naturalmente e quelle che invece hanno accettato un cesareo anche se di certo non ce ne sarebbe stato bisogno. E ad ogni  modo il loro messaggio è stato condiviso 231 volte e ha già avuto 65 Like. Da non credere.

L’idea di base è che la donna che alla fine deve fare il cesareo lo fa perché in gravidanza ha abusato di alcol e altre sostanze chimiche o perché non si è presa cura di se stessa nel modo adeguato.

2. La battaglia contro gli anticoncezionali

3. La battaglia contro l’aborto

4. La relazione tra i dolori mestruali e il peccato originale

Commenti

25 commenti

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *