Abbronzatura sana in estate, le regole da rispettare

In estate molte donne amano sfoggiare un’abbronzatura al top che dona all’aspetto un tocco in più di bellezza. Avere la pelle più scura in estate può giovare al proprio look, ma bisogna inevitabilmente seguire delle regole ben precise per riuscire ad abbronzarsi senza arrecare danni alla nostra pelle.

Senza dubbio il sole può essere un valido alleato per la nostra salute, visto come sia un naturale dispensatore di vitamina D, molto importante per il nostro organismo. Come sempre però non bisogna abusarne, anche perché i raggi ultravioletti possono creare anche delle problematiche serie alla pelle, quindi è opportuno conoscere le regole basilari per avere un’abbronzatura sana in estate ed apparire notevolmente più belle.

Semplici regole da seguire per un’abbronzatura al top

Parliamo di piccoli consigli che devono essere seguiti indipendentemente da donne ed uomini, visto come anche la sfera maschile in estate sia molto attenta all’aspetto dell’abbronzatura. Quando parliamo di bellezza ormai non bisogna fare tanta distinzione tra donne e uomini, tutti sono attenti alla cura del proprio corpo e si sa come l’abbronzatura possa rendere più belli.

Il primo aspetto da tener conto per un’abbronzatura sana è evitare le prime volte di esporsi per troppe ore al sole, soprattutto nella fascia oraria più dannosa per la nostra pelle che va dalle ore 12 alle ore 15. Pensare di stare al sole tutto il giorno durante una prima giornata al mare è un errore che commettono tantissime persone, qui si rischia immediatamente di creare bruciature alla propria pelle, con a volte la possibilità di beccarsi anche un’insolazione. Il primo punto da rispettare per un’abbronzatura sana è esporsi per poche ore al sole durante i primi bagni al mare o in piscina.

Per un’abbronzatura sana bisogna procedere per gradi

Il processo di abbronzatura deve avvenire in modo graduale e chiaramente non si può non utilizzare una protezione adeguata. Il primo sole necessita sempre di una protezione alta, quella 50 e solo quando la pelle avrà raggiunto una colorazione più scura si può pensare di abbassare il grado di protezione. L’errore più comune che si commette è quello di non utilizzare più la crema solare protettiva quando l’abbronzatura è già ad un buon punto.

E’ sempre necessario proteggersi dai raggi ultravioletti, anche quando la nostra carnagione ha raggiunto una colorazione più scura. Il tutto quindi deve procedere per gradi, optare per un’ottima protezione solare da applicare più volte durante la giornata, anche in condizioni in cui non ci si ritrova esposti in maniera diretta al sole. Sono regole semplicissime che però non tutti rispettano, rischiando spesso di bruciarsi e creare dei danni alla pelle.

Commenti

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *