Rimedi della nonna per lavare i capi preferiti

Un maglione di lana pregiata, un capo di biancheria intima a cui teniamo in modo particolare possono essere solo alcuni degli abiti che ci creano qualche problema al momento del lavaggio. Vediamo quindi come le nostre nonne avrebbero risolto questi piccoli problemi domestici.

Per mantenere sempre in perfetto stato i propri capi preferiti è possibile a volte mettere in pratica alcuni rimedi e alcuni consigli che già le nostre nonne tanti anni fa applicavano con successo.

A volte può capitare, ad esempio, che il proprio maglione di lana preferito abbia conservato un odore poco gradevole anche dopo il lavaggio. In genere questo problema è causato dai batteri che vengono trasmessi attraverso il sudore. Prima di portare il capo in tintoria si può fare questo.

Rimedi della nonna last minute per i piccoli problemi di bucato

Prendete un sacchetto di plastica e metteteci dentro il vostro maglione, poi riponetelo nel freezer per circa 3 ore. Il freddo intenso del frigo ucciderà i batteri ed eliminerà i cattivi odori.

Tre idee per profumare armadi e cassetti con rimedi naturali

Se invece il vostro maglione di lama preferito è rovinato dalla presenza di una serie di antiestetici pelucchi, potete eliminarli utilizzando un rasoio o una piccola striscia di scotch da pacchi.

E se invece vi trovate alle prese con dei capi di biancheria intima particolarmente delicati? Dopo un lavaggio in lavatrice i reggiseni  possono presentare la fuoriuscita del ferretto. Nel caso accadesse questo, potete intanto trovare rimedio alla situazione utilizzando un cerotto per bloccare il foro. Per evitare questi problemi ricordate poi di lavare i capi intimi con un apposito programma per delicati e inseriteli all’interno di una federa o di una retina per bucato. In questo modo i capi subiranno uno stress minore e si eviteranno possibili strappi e rotture.

Un ulteriore accorgimento per ridurre il problema delle rotture è quello di non mettere i capi intimi nell’asciugatrice, poiché il calore tende a deformare i ferretti.

 

Photo Credits | A and Rob / Shutterstock.com

Commenti

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *