Lavori in casa: guida alla scelta della Termocamera

Le termocamere sono uno strumento molto importante che permette di ottenere delle immagini termografiche, ovvero di mostrare delle fonti di calore o di energia termica. Il funzionamento delle termocamere si basa su una tecnologia di rilevamento ad infrarossi e ricalca quello delle macchine fotografiche. Questo tipo di camera però durante i suoi scatti rileva la presenza di energia termica e funziona anche all’interno di ambienti bui e in spazi difficili da esplorare.

Lavori in casa

Grazie alle termocamere vengono così identificati gli sprechi di energia termica e anche dispersioni che a lungo andare potrebbero generare guasti o malfunzionamenti all’interno di impianti industriali, elettrici o meccanici. Utilizzando un sistema di termocamere, infatti, è possibile assicurare il corretto funzionamento di un isolamento termico. Ovviamente le termocamere non sono tutte uguali e per un utilizzatore è importante individuare il modello che maggiormente si adatta alle proprie esigenze.

L’acquisto di una o più termocamere può essere effettuato tramite un portale specializzato e in possesso di prodotti affidabili e di alta qualità. Ne è un esempio il sito di Rs Components che da molti anni rappresenta il punto di riferimento per quanto concerne i prodotti industriali ed elettronici. Infatti, su it.rs-online.com è possibile trovare numerosi modelli di termocamere con caratteristiche più o meno diverse a seconda dell’utilizzo che se ne intende fare.

Cosa valutare prima dell’acquisto

Sul portale di Rs Components è possibile acquistare articoli realizzati rispettando elevati standard qualitativi, ma ovviamente ogni singolo modello è pensato per soddisfare determinate esigenze. A tal proposito è molto utile valutare alcuni fattori tecnici, come ad esempio:

  • Qualità e frequenza delle immagini.
  • Durata della batteria.
  • Range di temperature rilevate.
  • Risoluzione.
  • Tipo di messa a fuoco.
  • Dimensioni del display.
  • Peso e dimensioni.

L’utilizzo specifico per cui è progettata una termocamera è sempre riportato all’interno di una scheda tecnica. Solo per fare un esempio, un modello adatto ad un manutentore tecnico dovrà essere compatto e facile da trasportare, mentre quello pensato per un impianto determinato può essere anche di tipo fisso. Tutte le termocamere presentano una programmazione che le rende in grado di inquadrare un determinato ambiente e di rilevare le fonti di calore ogni volta che viene catturata un’immagine.

In questo modo ogni locale in cui viene posizionato il dispositivo può essere controllato in tempo reale. Questo strumento è spesso chiamato anche telecamera ad infrarossi, per il semplice motivo che permette di misurare la radiazione emessa dalle fonti di calore. In generale è sempre importante selezionare una termocamera adatta per l’ambiente in cui viene utilizzata e dotata di una buona sensibilità termica.

I modelli professionali hanno inoltre un grado di precisione particolarmente alto, che consente di ridurre il margine di errore e di ottenere quindi delle rilevazioni estremamente precise ed affidabili. In alcuni casi questi strumenti possono rilevare anche delle temperature altissime, che possono raggiungere anche i 400 C°.

Funzionamento e applicazione

Grazie all’utilizzo delle termocamere è possibile mantenere inalterato il corretto funzionamento di molte apparecchiature. Un risultato che viene ottenuto grazie alla realizzazione di immagini tecniche, elaborate dalla camera, che consentono di identificare in modo rapido e semplice eventuali problemi. In questa maniera è quindi possibile sia prevenire eventuali guasti alle apparecchiature, sia intervenire per risolvere delle problematiche, andando ad individuare delle dispersioni di energia termica.

Le temperature vengono mostrate sulla termocamera sulla base di differenti campi contraddistinti da colori differenti. Le aree più calde sono quelle che solitamente risultano avere un colore rosso o giallo, mentre quelle più fredde vengono identificate con i colori blu o viola. Tramite il loro utilizzo, i tecnici manutentori individuano in modo rapido delle perdite e possono intervenire direttamente sulla riparazione dei componenti che si sono erroneamente surriscaldati.

L’utilizzo di questo strumento è molto richiesto in alcuni settori professionali, come ad esempio in ambito industriale, meccanico e in tutti gli impianti antincendio. Può trovare però una utile applicazione anche nelle fasi di ricerca e salvataggio di persone disperse, oppure in settori di tipo medico. In conclusione quindi la scelta del modello più adatto può essere effettuata consultando le schede tecniche di ogni singolo prodotto o rivolgendosi all’assistenza tecnica di portali altamente specializzati.

Tags:

Commenti

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *