Dieta della frutta, perdere peso velocemente con controindicazioni

Se si ha intenzione di perdere peso in maniera rapida, soprattutto dopo un periodo in cui si è un bel po’ esagerato con il cibo, la dieta della frutta può aiutarvi in questo percorso, ma attenzione a non seguirla per troppo tempo.

Ci sono infatti delle controindicazioni se si decide di proseguire con questo tipo di alimentazione per più di tre giorni. La dieta della frutta può essere un buon alleato dopo ad esempio il periodo di Pasqua, questi sono infatti giorni in cui si tende a mangiare un bel po’, colpa poi la quarantena forzata diventa complicato perdere i chili accumulati. L’ideale sarebbe sempre seguire un’alimentazione varia e sana, senza dimenticare di praticare attività fisica anche chiusi in casa con semplici esercizi, per non lasciare che il metabolismo perda la sua velocità.

Se ciò non è stato possibile farlo, ma si vuole creare una base di partenza per dar vita ad un nuovo stile di vita, un aiuto concreto può arrivare proprio dalla dieta della frutta che combina l’assimilazione di nutrienti con l’eliminazione delle scorie in eccesso, grazie ad una maggiore idratazione dell’organismo, per perdere anche 4Kg in appena tre giorni. Dopo però queste 72 ore è assolutamente importante non continuare a seguire la dieta della frutta, altrimenti si rischia di creare dei problemi all’organismo, con la mancanza di assimilazione di proteine, grassi ed altre sostanze nutritive necessarie al nostro benessere psico-fisico.

Gli alimenti consentiti nella dieta della frutta

Vediamo allora più nel dettaglio in cosa consiste questa dieta della frutta e quali sono gli alimenti che bisogna consumare esclusivamente nei tre giorni in cui si decide di seguirla. Innanzitutto è bene sapere come si accettano in questo tipo alimentazione anche quei frutti che in genere durante una semplice dieta dimagrante vengono esclusi perché considerati grassi e più ricchi di zucchero. E’ importante però puntare sulla frutta di stagione, evitando invece la frutta secca e quella sciroppata. Ovviamente alla frutta deve essere abbinata anche la verdura, meglio se cruda o al massimo cotta a vapore. La verdura però consentita in questa dieta della frutta è composta da songino, lattuga, finocchi, spinaci, sedano e pomodorini, assolutamente da evitare legumi e patate. Per condirle si necessita di un solo cucchiaio d’olio e senza sale.

Dieta della frutta tipo benefici e controindicazioni

Una dieta della frutta tipo fa leva su una colazione composta da centrifugati, con due frutti differenti o un frutto ed una verdura. Per lo spuntino meglio puntare sui frutti rossi, perché sono drenanti. Per pranzo optare per frutta più leggera come fragole, kiwi, anguria, ananas, albicocche e arance. A cena spazio a banana, cocco ed avocado. E’ possibile anche consumare yogurt, tisane e caffè. I benefici di questa dieta riguardano prettamente la depurazione dell’organismo con l’eliminazione di tutte le tossine accumulate, ha un forte potere drenante, quindi si perdono molti liquidi. Come detto però in precedenza non deve essere seguita per più di tre giorni, perché povera di proprietà nutritive ed è sconsigliata per chi soffre di diabete o colon irritabile.

Commenti

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *