Come sbloccare lo scarico del lavello

A volte basta conoscere alcune piccole strategie domestiche per vedere semplificata la propria vita in casa e dietro i fornelli. I saperi tradizionali sono pieni di rimedi della nonna e piccoli trucchi da cui possiamo ancora trarre ancora ispirazione e aiuto. Eccone uno per sbloccare il lavello della cucina.

Se avete mai provato a mettere in pratica, in casa, gli utilissimi rimedi della nonna, sapete quanto queste piccole strategie e trucchi di altri tempi, tramandati di generazione in generazione, possano essere ancora validi, attuabili e utili anche oggi, quando il tempo per le pulizie di casa non è mai abbastanza e si cerca di tornare a scoprire le soluzioni più semplici ed efficaci.

Come eliminare i cattivi odori dal lavandino

Per sbloccare lo scarico del lavello della cucina, ad esempio, è possibile affidarsi ad un metodo antico e infallibile, che abbiamo qui il piacere di ricordarvi. Ne avrete forse sentito parlare dalle vostre nonne e potrete così, all’occorrenza, metterlo alla prova.

Come utilizzare il sale per le pulizie della cucina

Gli scarichi dei lavelli della cucina, infatti, tendono in genere ad otturarsi, a causa dei piccoli resti di cibo che passano attraverso di essi e ai detersivi e alle schiume per che vengono usati per la detersione delle stoviglie. D’ora in avanti lo potrete sbloccare in questo modo.

Portate ad ebollizione una pentola con l’acqua e una volta che avrà raggiunto la temperatura di ebollizione versate tutto il suo contenuto nello scarico. L’alta temperatura riuscirà nella maggior parte dei casi a risolvere la situazione.

Nel caso in cui questo primo rimedio non dovesse funzionare preparate invece un composto a base di cremor tartaro – 1 dose – e bicarbonato unito a sale da cucina – 4 dosi per ciascun elemento. Versate ugualmente dell’acqua bollente. Nel casi più difficili vi potrete anche aiutare con un fil di ferro o un bastoncino.

Un ulteriore rimedio naturale utile per sbloccare gli scarichi è acqua e aceto, da versare e lasciar agire per un po’ di tempo.

 

Photo Credits | Paul Michael Hughes / Shutterstock.com

Commenti

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *