Sindrome da crepacuore, cos’è e sintomi principali

La sindrome da crepacuore colpisce più le donne che gli uomini e non è assolutamente da non sottovalutare: i cardiologi del Policlinico Gemelli di Roma sostengono che è pericolosa tanto quanto l'infarto...

La sindrome da crepacuore, altresì conosciuta in medicina con il nome di sindrome di Takostsubo, è una patologia che colpisce prevalentemente le donne e che mette seriamente a repentaglio la salute del loro cuore: ecco perché è importante non sottovalutarne i sintomi, per non incappare in brutte e sgredavoli sorpese. La sindrome da crepacuore è pericolosa quanto l’infarto: lo affermano alcuni cardiologi del Policlinico Gemelle di Roma che hanno individuato nella sidrome alti rischi di affaticamento del cuore, con tutte le conseguenze negative del caso.

Ma cos’è nello specifico la sindrome da crepacuore? E’ un disturbo che, differentemente per quanto vale per esempio per l’infarto e altre malattie cardiache, non è provocato da cause dirette o logorio sostanziale dell’organismo quanto piuttosto da variabili non prevedibili che ad un certo punto destabilizzano il cuore con conseguenze che possono essere anche pesanti. Difficile da individuare, perché molti dei suoi sintomi molto spesso vengono sottovalutati, la sindrome da crepacuore può però essere tenuta sotto controllo se scoperta nei tempi giusti.

DIETA MEDITERRANEA PER TENERE ALLA LARGA LE MALATTIE DEL CUORE?

E a proposito di sintomi della sindrome da crepacuore, come riconoscerli? Molto spesso, prese dalla fretta quotidiana e dal tanto stress che ormai accompagna la nostra vita, in molte non si accorgono di essere affette dalla sindrome. Tra i sintomi più comuni da non sottovalutare ci sono dolori all’altezza del seno, tachicardia, irregolarità nell’elettrocardiogramma, affanno e difficoltà respiratorie. Se soffrite di questo disturbo è dunque necessario consultare un medico esperto.

Foto | Thinkstock

Commenti

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *