I 5 alimenti che contengono più grassi

Cioccolata, tonno ma anche arachidi, formaggi e patatine fritte sono tra i cibi più grassi da consumare con moderazione

I grassi sono i veri nemici della linea e lo sanno bene tutte quelle donne che, ogni giorno, combattono contro la fame per stare a dieta. La dieta mediterranea, quella più seguita da noi italiani, consente di assumere ogni giorno un quantitativo di grassi pari al 25% dell’apporto calorico quotidiano. Significa che per una donna che deve assumere circa 1600 calorie al giorno, il 25% di grassi corrisponde a circa 50 grammi (e ogni grammo fornisce circa 9 calorie).

Insomma superare il limite massimo di grassi consentiti, pur stando attente all’alimentazione, è davvero fin troppo facile. Anche perché ci sono degli alimenti che magari si mangiano tanto per fare, giusto per gola, e invece sono davvero molto grassi. Vediamo quali sono i 5 cibi grassi che sono più controindicati quando si è a dieta o, in generale, attente alla linea.

 

1. Arachidi

Molto spesso si mangiano in mezzo alla giornata oppure durante l’aperitivo: sappiate che una piccola manciata di arachidi (20 grammi) porta molte più calorie di quelle consentite.

2. Cioccolato

In questa classifica sui cibi grassi il cioccolato arriva giù un po’ meno a sorpresa: sei quadratini di cioccolato fondente, pari a circa 25 grammi di peso, contengono più di 200 calorie.

3. Formaggio groviera

Vi capita mai a fine pasto di concludere con un pezzettino di formaggio groviera? Fate attenzione: un quadratino piccolo contiene più di 300 calorie.

4. Tonno sott’olio

Tra i cibi grassi, questo è uno di quelli che può ingannare. 50 grammi di tonno sott’olio (e si fa presto a mangiarli) forniscono molti più grassi di quelli che prevederebbe la classica dieta mediterranea.

5. Patatine fritte

Anche le patatine fritte sono tra i cibi più grassi e controindicati se si vuole mantenere la linea. Una porzione piccola, pari a circa 50 grammi, contiene una percentuale di grassi più alta di quella consigliata.

 

Foto | Thinkstock

Commenti

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *