Ritenzione idrica premestruale, sintomi e cosa fare

La ritenzione idrica è un disturbo molto frequente nelle donne (ne colpisce circa il 30%) ed è causa di sintomi ben precisi che ognuna di noi dovrebbe saper riconoscere. Molto spesso la ritenzione idrica è premestruale ovvero aumenta in modo considerevole nei giorni che precedono l’arrivo del ciclo rendendo il nostro corpo marcatamente più pesante. Come riconoscere i sintomi? E cosa fare per alleviare il fastidio?

I liquidi tendono ad accumularsi negli spazi interstiziali ovvero tra le cellule causando un gonfiore anomalo: le zone del corpo più colpite sono le caviglie, le cosce, l’addome e i glutei. Quali sono i sintomi della ritenzione idrica premestruale? Il problema causa generalmente gonfiore e una sensazione di pesantezza uno o due settimane prima dell’inizio del ciclo mestruale con i sintomi che tendono poi a scomparire dopo l’arrivo del ciclo che di fatto ripulisce l’organismo.

Cosa fare contro la ritenzione idrica premestruale? Bere tanto, circa due litri al giorno di acqua naturale, è un buon metodo per combattere i liquidi in eccesso che si accumulano creando gonfiore e dolore. Anche un po’ di movimento costante può essere utile per ritrovare gambe più leggere e snelle.

Ti potrebbe interessare anche:

La ricetta della tisana sgonfiante per dimagrire in 3 settimane

I 5 cibi anti cellulite più efficaci

Come eliminare la ritenzione idrica

Finocchio per dimagrire e eliminare liquidi in eccesso?

Photo | Thinkstock

Commenti

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *