Come eliminare gli spifferi in attesa dell’inverno

home-interior-1336163_640

Questa è la stagione ideale per eliminare gli spifferi di porte e finestre sfruttando delle soluzioni economiche ma anche di facile realizzazione. Gli spifferi, oltre che causare danni alla salute, determinano anche un notevole spreco di energia. 

Come possiamo migliorare l’efficienza energetica delle case, eliminando gli spifferi e mettendo del budget una spesa contenuta? Il primo passo da fare è individuare tutte le porte che hanno degli spifferi. Basta munirsi di un accendino, o meglio di una candela, e valutare in prossimità di quale apertura la candela si piega o si spegne.

Poi con il cutter e un rotolo di spugnetta paraspifferi, si deve procedere con precisione all’eliminazione degli spifferi. È un lavoretto piccolo ed è sufficiente recarsi da una ferramenta per procurarsi tutto il necessario. Prima d’iniziare i lavori riempite una bacinella con dell’acqua calda e immergetevi una spugna. Pulite così tutti i bordi interni delle finestre dove andrete a piazzare il paraspifferi.

Il lavaggio deve essere seguito dall’asciugatura. Quindi bisogna prendere il rotolo di spugna e cominciare ad incollare tutti i lati della finestra (o della porta) e degli altri serramenti da cui volete togliere gli spifferi. Con un cutter affilato, tagliate la gomma in eccesso e fate attenzione a non scalfire il legno degli infissi.

Prima delle rifiniture, provate a chiudere porte e finestre, quindi iniziate a togliere in modo accurato la gommina che esce fuori dai bordi ed ostruisce la chiusura della finestra. L’operazione va ripetuta su tutti gli infissi poi va verificata la riduzione degli spifferi con la solita candela.

Oltre quello indicato ci sono altri sistemi per non disperdere il calore dell’appartamento, sfruttando anche materiali da riciclo.

Commenti