Come organizzare le spezie in cucina

Le spezie usate per le preparazioni dolci possono essere divise da quelle usate per le preparazioni salate. Oppure è possibile dividerle in base alla frequenza d'uso. I contenitori, in ogni caso, risultano fondamentali.

Avere una cucina organizzata, soprattutto per quanto riguarda gli ingredienti, consente di preparare sempre pietanze nuove e garantisce nuovi stimoli ai fornelli. Ecco perché tra gli altri elementi di base, è bene avere anche delle spezie sistemate a dovere. Qualche consiglio per organizzare la dispensa. 

Per organizzare al meglio le spezie in cucina è necessario avere dei barattoli di vetro che garantiscano la visibilità del contenuto del recipiente, un porta barattoli di quelli che si attaccano al muro – anche se la soluzione calamitata ha un suo perché anche estetico – e poi anche delle etichette adesive per distinguere subito una spezia dall’altra.

I porta spezie calamitati

Si tratta di barattoli che possono essere attaccati al frigo, proprio come le calamite, oppure che possono essere attaccati alle barre di metallo che si attaccano al muro. Sono una soluzione comoda ma soprattutto esteticamente gradevole. In questo caso ad essere trasparente deve essere il tappo non il barattolo.

Come dividere le spezie

Per dividere le spezie avete almeno due possibilità, o meglio due criteri:

1. La divisione per gusto,
2. La divisione per utilizzo.

Potete quindi organizzare i ripiani in base alla frequenza d’uso delle spezie. È probabile che il cardamomo e lo zafferano che sono tra le spezie più costose al mondo, siano usate in modo molto moderato e quindi è facile custodirle più in alto delle altre. Il basilico, la menta e l’origano, invece, sono di uso comune anche per le verdure oltre che per aromatizzare i condimenti, per cui possono essere custodite in basso.

La divisione per gusto è più da intenditori ma in modo molto pratico è possibile separare le spezie che si usano per la preparazione dei dolci, da quelle che si usano per la preparazione dei salati.

Photo Credits | Lilyana Vynogradova / Shutterstock.com

Tags:

Commenti

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *