Tumori donne, prevenzione per fascia di età

La prevenzione svolge un ruolo fondamentale per i tumori femminili e in alcuni casi può fare davvero la differenza. Ogni fascia di età, però, ha i suoi esami più indicati. Cerchiamo di capire allora cosa fare e quando per prendersi cura della propria salute.

20-40 anni

In questa fascia d’età per fortuna i tumori femminili non sono così frequenti. Molto consigliato è il pap test, indispensabile anche per coloro che si sono sottoposte al vaccino per l’HPV. Questo esame, rapido e indolore, aiuta a diagnosticare per tempo eventuali anomalie che potrebbero sfociare in tumori al collo dell’utero. Una visita ginecologica annuale, poi, è l’ideale per avere sempre un costante monitoraggio di ovaie e ciclo. Ecografie al seno o mammografie possono essere rimandati a tempi più idonei a meno che il medico non rilevi un effettivo bisogno.

Tumore collo dell’utero, nuovo test efficace al 100%?

40-50 anni

Gli screening sono in gran parte uguali a quelli della fascia 20-40 anni anche se in alcuni casi è raccomandabile effettuare l’ecografia del seno a partire dai 40 anni e la mammografia a partire dai 45 anni. Ascoltare il parere del medico è sempre importante per una giusta prevenzione.

Tumori in aumento: 5,5 milioni di donne si ammaleranno entro il 2030

50-60 anni

E’ questa la fase in cui l’incidenza dei tumori femminili aumenta. Non abbassare la guardia è quindi di fondamentale importanza per effettuare una giusta prevenzione. Mammografia e eco al seno sono importanti, così come periodici controllo dal ginecologo. Anche la vista va tenuta sotto controllo perché è in età matura che i primi problemi agli occhi possono cominciare a fare capolino.

Photo | Thinkstock

Commenti

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *