Perché in gravidanza compaiono le vene varicose

Le vene varicose sono un problema che può interessare le donne in gravidanza. È un fenomeno che rientra nel computo delle modifiche del corpo della mamma ma va monitorato per evitare trombosi e flebili. Ecco qualche accorgimento

Quando il peso della donna aumenta, soprattutto in prossimità del parto, oltre ai piedi gonfi e oltre ai piedi più lunghi e più larghi, ci si può accorgere di avere le vene varicose. E il bello è che possono avercele anche le donne che mai hanno sofferto di problemi di circolazione. Ecco come prevenirle. 

Le vene varicose, in gravidanza, possono comparire e talvolta compaiono non solo sulle gambe ma anche sulla vulva e ci si accorge che qualcosa non va, al tatto. Paura? Certamente non è una bella sensazione ma le donne possono star certe che “si può spiegare tutto”, anche questo.

I cambiamenti corporei che interessano la donna incinta, infatti, riguardano anche la composizione del sangue e il suo volume. La mamma deve nutrire il bambino e quindi ha bisogno di più sangue. Per trasportarlo s’ingrossano naturalmente le arterie e le vene che sono nella zona del bacino, quelle che sono poi direttamente collegate alle gambe.

Cosa succede poi? Che una parte del sangue non si riesce a smaltire e ristagna nelle vene. Sempre? No, ma può capitare. Poi l’utero aumenta di dimensioni e comprime le vene e le arterie incidendo sulla circolazione del sangue. E poi ci sarebbe quella maledetta ritenzione idrica che non piace proprio alle donne inclini alla pelle a buccia d’arancia.

Se è tutto normale bisogna preoccuparsi? Un po’ sì, ovvero bisogna mantenere un buon livello di attenzione e monitorare la situazione insieme al ginecologo perché con le vene varicose la donna ha una maggiore inclinazione a flebiti superficiali e trombosi venose. Le vene varicose della mamma non incidono di certo sul bambino che continua ad essere nutrito e ossigenato anche se la circolazione sanguigna rallenta.

La prevenzione è importante anche se ci sono delle donne inclini allo sviluppo delle vene. Quello che si può fare è bere sempre molta acqua, soprattutto in gravidanza, circa 2 litri al giorno, anche 3. Poi si può mangiare in modo da non aumentare troppo di peso e se proprio questi accorgimenti alimentari non bastano, ci sono sempre calze elastiche e pediluvi in acqua tiepida che possono aiutare la circolazione.

E voi mamme avete avuto di questi problemi in gravidanza?

Photo Credits | Todor Rusinov / Shutterstock.com

Photo Credits | Tibanna79 / Shutterstock.com

Commenti

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *