Ceretta a gambe e inguine, è allarme: va ridotta per evitare follicoliti gravi

Scatta l'allarme ceretta e a lanciarlo è la dermatologa Elisabetta Sorbellini: secondo la specialista, la ceretta a gambe e inguine sarebbe un bel po' pericolosa per la salute delle donne perché porterebbe a follicoliti anche piuttosto gravi.

Scatta l’allarme ceretta e a lanciarlo è la dermatologa Elisabetta Sorbellini, in forza allo Studio Rinaldi di Milano e specializzata nell’utilizzo dei laser: secondo la specialista, la ceretta a gambe e inguine sarebbe un bel po’ pericolosa per la salute delle donne.

Sarebbe infatti la causa di follicoliti gravi, ovvero di infiammazioni al follicolo pilifero piuttosto pesanti che potrebbero portare spiacevoli conseguenze. Ecco le parole della dottoressa Elisabetta Sorbellini a margine di un incontro sull’utilizzo della ceretta nelle donne:

L’insorgere di questa infiammazione non è così infrequente e va a colpire chi è solito sottoporsi a ceretta con una certa frequenza nel tempo […] Nelle donne la zona a rischio è soprattutto quella inguinale: ridurre le cerette è un primo importante passo per combattere il rischio di follicoliti gravi.

La ceretta si porta dietro altre fastidiose conseguenze, sempre secondo quanto affermato dalla dermatologa:

La ceretta stessa, in certi casi, dà un problema di sensibilizzazione […]. Questo non vuol dire che le donne debbano rinunciare a una pelle liscia effetto seta. Possono per esempio ricorrere alla depilazione laser, abbandonando anche gli epilatori elettrici che strappano ed indeboliscono e fanno crescere peli storti per cui favoriscono la formazione di follicoli e di cisti

Insomma cominciate ad entrare nell’ottica di abbandonare le tanto usate cerette a gambe e inguine e iniziate ad organizzarvi per altro tipo di depilazione alternativa. Anche se capiamo che, proprio adesso che l’estate è cominciata e che tutte avete già prenotato la vostra capatina dall’estetista per togliere ogni pelo superfluo, la cosa sia abbastanza complicata da fare.

Foto | Thinkstock

Tags:

Commenti

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *