Lady Gaga: “Voglio esplodere adesso che ho 30 anni”

Billboard elegge Lady Gaga come donna dell'anno 2015, lei parla della fama e dei suoi 30 anni pieni di progetti.

Lady Gaga è la donna del 2015, lo dice Billboard ma in molti saranno d’accordo, sono in pochi i personaggi famosi che riescono a reinventarsi in maniera efficace come sa fare lei.

Partita da popstar un po’ trash e molto pop, Lady Gaga è maturata e arrivata a 30 anni ha dimostrato di saper fare molto di più di quanto molti pensassero. Il suo ultimo album, “Artpop“, non ha registrato le vendite dei precedenti ed è stato considerato una sorta di flop, ma la carriera della cantante non ha subito battute d’arresto. Lady Gaga ha iniziato a mostrarsi sempre più spesso al naturale, soprattutto su Instagram, una sorta di ritorno all’autentico dopo anni e anni di abiti ingombranti e scarpe assurde che solo lei sa indossare.

Poi c’è stato il tour jazz al fianco di Tony Bennett e il debutto nella serie tv “American Horror Story“, nella quinta stagione, anche se aveva già recitato in passato. Lady Gaga è cresciuta, ama l’arte a tutto tondo ed è sempre molto schietta. A Billboard ha dichiarato:

Voglio mostrare alle donne e anche agli uomini che non devono per forza cercare di piacere ai 19enni o ai 21enni per avere una hit. Le donne che sono nell’ambiente musicale credono di aver bisogno di vendere qualunque cosa per essere della star, e questo è così triste… Io voglio esplodere ora che entro nei miei 30 anni.

Pronta a sposare il compagno Taylor Kinney, la cantante di origini italiane ha ammesso anche una certa intolleranza nei confronti di alcuni aspetti della fama:

Alla fine del 2014 il mio stylist mi ha chiesto se volevo ancora essere una popstar e io gli ho risposto : “Se solo potessi fermare il treno e scendere oggi lo farei. Non posso ma ho bisogno di scendere, perché altrimenti potrei morire”. Non mi interessava vendere profumi e fragranze. Non mi piace buttare via il tempo passando giornate a stringere mani a sconosciuti e sorridere.

Photo Credits | Getty Images

Tags:

Commenti

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *