Dove e cosa mangiare a Expo 2015

L'Espozione Universale a Milano è l'occasione per viaggiare con il palato provando cucine particolari ed esotiche: dove e cosa mangiare a Expo 2015?

Dove e cosa mangiare a Expo 2015 sfruttando l’occasione di raggiungere paesi in cui probabilmente non avremo mai occasione di andare o che richiedono un viaggio molto lungo e difficoltoso? Vi suggeriamo cosa non dovete perdere all’Esposizione Universale approfittando del tema della nutrizione che ha portato a Milano cibi provenienti da tutti gli angoli del Mondo.

La tentazione di sperimentare cucine insolite ed esotiche è forte, certo, ma non dimentichiamo che l’eccellenza culinaria è qualcosa in cui l’Europa non resta indietro e anzi ha fatto e fa tuttora scuola in tutto il mondo. Perché negarsi quindi il piacere di godersi un ottimo formaggio francese, un delizioso dolce svedese o una sostanziosa zuppa polacca?

Il consiglio è quello di non porsi limiti ed esplorare le cucine del mondo senza confini. Anche quelle ad un passo da casa e spesso poco note al pari delle cucine più lontane. L’offerta è immensa e per tutte le tasche, dai ristoranti esclusivi allo street food. Scegliere è indispensabile a meno che non si abbia la possibilità di tornare più volte a visitare l’esposizione, magari con i biglietti serali per Expo 2015 per aperitivo e cena.

Mangiare gratis

Tenete presente che molti paesi offrono degustazioni gratuite del cibo tradizionale all’interno dei propri padiglioni. Ci vuole un po’ di fortuna per trovarsi nel posto giusto al momento giusto, quando è in programma una dimostrazione di cucina.

Mangiare dentro i padiglioni

Ogni padiglione, o quasi, ha previsto un’area ristorazione tematica dove si possono assaggiare le specialità del paese. I prezzi sono in linea con quelli di un ristorante tradizionale ma in qualche caso potrebbero non essere proprio a buon mercato. Può comunque valerne la pena, in definitiva è un viaggio: partite per il Marocco, il Messico, la Thailandia o ovunque vi conduca il vostro palato.

Mangiare etnico

Il cibo etnico più succulento è spesso coincidente con lo street food: tacos messicani, tijane marocchine di verdure o carne, majadera israeliana, kebab turco, zuppe vietnamite, empanadas argentine o polpette di quinoa al ceviche dell’Ecuador. Ve la caverete in quasi tutti i casi con meno di 10 euro.

Street food

Spendere poco e mangiare qualcosa al volo, senza fermarsi al ristorante con tanto di servizio al tavolo, è possibile. Scegliete uno dei tanti chioschetti o furgoncini presenti nelle aree esterne dell’Expo per consumare le patatine fritte del Belgio, le crepes francesi, gli spiedini greci, il lobster roll americano. Lo stesso si può fare in tutti i cluster tematici dentro i padiglioni. Volete mangiare italiano? C’è il corner di Beretta che offre il tagliere di salumi a 10 euro.

Ristoranti di lusso

Alcuni paesi offrono ristoranti di lusso che servono piatti raffinati. È il caso, per esempio, del Giappone. Lo scontrino sarà salato quindi è bene sapere a cosa si va incontro leggendo con attenzione i menu esposti al pubblico. Una vasta offerta di cucina regionale italiana, ma a prezzi medi, è presente da Eataly.

Mangiare insetti

In molti erano incuriositi dalla possibilità di assaggiare gli insetti, consumati abitualmente in molte culture asiatiche, ma a Expo 2015 non c’è questa occasione. In Europa gli insetti non sono riconosciuti come cibo e per quanto si fosse parlato della possibilità di una deroga non è stato concesso di servirli.

Carne di coccodrillo e pesce palla

Due pietanze da assaggiare assolutamente a Expo 2015, se ve la sentite di osare, sono la carne di coccodrillo e il pesce palla. Ambedue sono serviti in deroga alle leggi europee che ne vietano la commercializzazione, esclusivamente negli spazi dello Zimbabwe e del Giappone.

Mangiare italiano

Mangiare italiano a Expo 2015 attrarrà soprattutto i turisti che non hanno occasione di gustare quotidianamente le delizie di casa vostra ma se non ve la sentite di sperimentare e volete rifugiarvi nella cucina del Belpaese le proposte sono tantissime: 20 ristoranti di Eataly lungo il Decumano, il ristorante Alce Nero Berberè che serve un’ottima pizza al parco del Biologico e della Biodiversità, il padiglione di Identità Golose che ospita uno chef stellato a settimana.

Photo Credits | taniavolobueva / Shutterstock.com

Commenti

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *