3 donne simbolo della laicità arrestate in Turchia

La dura repressione del governo di Erdogan non si ferma. Arrestate anche 3 donne simbolo della laicità della Turchia.

Dopo i giorni convulsi immediatamente successivi al golpe, continuano le epurazioni del presidente Erdogan. Le autorità turche infatti hanno emesso un mandato d’arresto per almeno 42 giornalisti, accusati di aver sostenuto la rete di Fethullah Gulen, il religioso esiliato negli Stati Uniti che il governo turco ritiene il responsabile e il mandante del fallito golpe militare in Turchia. Tra questi figurano anche 3 donne simbolo della laicità in Turchia che, sempre secondo il governo turco, avrebbero favorito il golpe. Si tratta di:

Nazi Ilikak

Nota ex parlamentare, giornalista veterana, 72 anni, da tempo aveva assunto posizioni critiche nei confronti dell’operato del presidente Erdogan e della sua squadra di governo. Ilikak infatti, nel 2013 era stata licenziata dal Sabah, quotidiano turco filo-governativo per cui lavorava, dopo aver criticato aspramente alcuni ministri coinvolti in uno scandalo di tangenti, che secondo il governo sarebbe stato orchestrato da Gulen.

Aysegul Sarak

E’ lei il primo rettore universitario con il velo, a capo dell’università Dicle di Diyarbakir. Il suo arresto è solo l’ultimo di una caccia agli accademici che si trascina da settimane. Prima di lei infatti era già stato arrestato
Jule Sarac, rettore dell’università di Dicle, e anche i rettori della Yildiz Technical University e della Gazi Universities sono stati rimossi dai loro incarichi per ordine del governo.

Kerime Kumas

E’ lei l’unica donna pilota da combattimento del Paese, che la notte del golpe avrebbe volato con il suo F-16 sui cieli di Istanbul. La durissima repressione di Erdogan dunque si accanisce anche su alcuni membri delle forze armate, accusati di sostenere Gulen e di aver architettato il golpe.

Commenti

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *