Bruciore intimo, 3 cause più comuni

Il bruciore intimo è condizione molto comune nella donna e la cosa importante, quando si presenta, è individuare con prontezza la causa per correre ai ripari immediatamente. Pur essendo spesso condizione transitoria, infatti, è questo un problema che genera fastidio marcato e disagio psicologico. Quali sono le 3 cause più comuni del bruciore intimo? Scopriamole.

1. Vaginosi

In presenza di quella che è una delle più frequenti infezioni (vaginosi appunto), si può accusare bruciore intimo. E’ assolutamente necessario sottoporsi al controllo di un ginecologo che saprà indicarvi le migliori soluzioni da adottare per contrastrare il dismicrobismo vaginale che provoca l’aumento dei batteri patogeni, causa appunto della vaginosi.

3. Allergia

Molto spesso il bruciore intimo può scatenarsi anche da una reazione allergica. Detergenti troppo aggressivi, residui di ammorbidente sugli slip, pantaloni troppo stretti possono infatti essere causa di irritazione.

3. Squilibri ormonali

Il ph della vagina subisce dei drastici cambiamenti anche in presenza di squilibri ormonali. dovuti per esempio a menopausa, gravidanza e terapie farmacologiche specie se prolungate. Anche in questo caso il consiglio dello specialista è fondamentale per trovare la pronta soluzione.

Ti potrebbe interessare anche:

Candida, dai sintomi alle cure, ecco tutto quello che devi sapere

Candida, i 5 alimenti assolutamente da evitare

Photo | Thinkstock

Commenti

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *