Come stirare rapidamente, ma senza rovinare i tessuti? Scopriamo come fare

Le attività domestiche sono sempre numerose e spesso c’è fin troppo poco tempo per svolgere le classiche faccende di casa. E tra queste non può che rientrare quella di stirare i capi d’abbigliamento. Tra l’altro, è anche uno di quei lavori casalinghi che occupano molto tempo e che comportano un po’ di fatica. Stirare velocemente e con maggiore cura, però, deve essere l’obiettivo di ciascuna persona che spesso durante la settimana deve svolgere questa faccenda domestica.

Trascorrere l’intera giornata in compagnia del proprio ferro da stiro per alcune persone può diventare un vero e proprio incubo, ma ci sono alcuni utili accorgimenti che permettono non solo di risparmiare tempo, ma anche non sprecare troppa energia. La prima cosa da fare è chiaramente quello di acquistare dei modelli adeguati alle proprie necessità (provate a chiedervi quante volte stirate in una settimana) e anche al proprio portafogli. Ad esempio, i ferri da stiro Philips, grazie alla loro tecnologia avanzata, consentono di ottenere risultati ottimi senza fatica, e senza neanche rovinare i capi.

Nel momento in cui si comincia a stirare ci sono diversi suggerimenti da seguire. Ad esempio, è sempre meglio iniziare nel momento in cui il bucato risulta ancora umido, in modo che le fibre dei tessuti reagiscano meglio all’azione del vapore. I movimenti circolari? Vi faranno solamente perdere tempo e si corre anche il pericolo di allungare il tessuto. La parte piana di ciascun capo d’abbigliamento dovrebbe essere lasciata per ultima, puntando prima a stirare i vari particolari. E i bottoni? È meglio evitare di far passare il ferro caldo su di essi, dati i rischi connessi al calore. Particolare accortezze vanno prestate con i capi in lana e velluto, ma più in generale con tutti i tessuti delicati. Devono sempre essere stirati al rovescio. Quando i vestiti si sono asciugati, meglio procedere alla stiratura solamente dopo aver posto un panno umido sotto al ferro.

Commenti